Logo saveriani - Italia

Mons. Corazza e i simboli dello stemma

Mons. Corazza e i simboli dello stemma
Google Plus

Domenica 22 aprile, con una Celebrazione Eucaristica solenne, mons. Livio Corazza è entrato ufficialmente nella diocesi di Forlì-Bertinoro. Lo stemma di mons. Livio Corazza ha simboli precisi.

La stella cometa è segno di speranza come per il cammino dei Re Magi nelle contrarietà e luce della Grazia e della Parola di Dio nel nostro cammino. La stella con otto punte indica Maria, venerata nella diocesi di Forlì-Bertinoro con i titoli di Madonna del Fuoco e del Lago. L’ancora della salvezza è nella forma della Croce di Concordia. La fede, insegnata dai padri, è accolta e vissuta, per essere poi donata ai figli. L’acqua simboleggia i fiumi Livenza e Tagliamento, confini della diocesi di Concordia-Pordenone, dove mons. Livio ha svolto il suo ministero. Ora gli tocca il Montone, che sfiora ad occidente la città di Forlì, prima di arrivare nel mare a Ravenna.

Il rosso è il colore della Carità. Dunque, lo stemma ricorda le tre virtù teologali (Fede, Speranza e Carità) del suo ministero pastorale e di ogni cristiano. Il motto episcopale è preso dal Salmo 70 “In te, Signore, ho sperato”. È ricordato nella frase finale dell’inno “Te Deum”. Il nostro santo fondatore Guido Maria Conforti l’ha cantato nel duomo a Parma, ritornato dalla visita dei suoi primi missionari in Cina nel 1928.

Questo sito utilizza cookies secondo la privacy, copyright & cookies policy. Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.