Logo saveriani - Italia

La realtà è superiore all’idea

La realtà è superiore all’idea
Google Plus
Pinterest

Esauriti gli sforzi per recuperare alla vita il loro bambino, i genitori del piccolo Charlie Gard hanno accettato che la spina che lo teneva vivo fosse staccata. Charlie è nato per morire ancora prima di poter fare un passo o dire una parola. Ha dovuto soltanto soffrire. Perché?

Una storia che ha commosso tutti

“Lasceremo andare nostro figlio con gli angeli”, ha detto papà Chris. Noi possiamo solo immaginarci il dolore di una giovane coppia che, senza saperlo, hanno trasmetto al loro piccolo quel gene che gli ha impedito di crescere. Gli hanno dato la vita e la composizione genetica che avrebbe falciato quella vita. Eppure: “Ringraziamo Charlie per la gioia che ha portato nella nostra vita”, hanno detto mamma Connie e papà Chris.

Il destino di Charlie ha commosso giovani e anziani. Papa Francesco ha pregato per lui e perfino

Trump gli ha rivolto un pensiero di benevolenza. Papà Chris ha riconosciuto che Charlie ha svolto una parte importante davanti al mondo. Ha ottenuto affetto. Altri bambini, invece, nascono nel buio e scompaiono nel

buio.

Inutile spiegare…

Ciò che è accaduto suscita molte domande, che restano senza risposta. Non solo, ma sconfessano la sicurezza delle teorie sul senso dell'esistenza. Filosofie e teologie si riconoscono balbuzienti davanti alle situazioni reali. Sembra tutto inspiegabile!

Forse la sorte di Charlie può maturare l'umanità a un nuovo piccolo passo nel cammino

scientifico. Forse altri bambini nasceranno liberati dal destino che invece Charlie ha dovuto

portare fino in fondo.

Papa Francesco in Laudato si’ afferma: “La realtà è superiore all'idea”. Questa frase mi concilia con questo non saper rispondere alle domande che trasudano da ciò che accade. Mi dice che non ha senso voler spiegare per poi fondare il senso della realtà sulle proprie spiegazioni. Ha invece grande senso

imparare quel passo che, grazie a ciò che accade, ora ci è dato di poter compiere.

Dio dentro la realtà

Mi è diventato difficile credere Dio onnipotente nel cielo. Non l'ho mai visto scendere dall'alto per fermare un terremoto o guarire un bambino. Sperimento piuttosto che Dio è nascosto dentro la realtà. Anche quando tutto crolla e vorresti farla finita, spunta un nuovo germoglio di speranza. Nulla può sradicare la speranza.

Sì, quella speranza è Dio, perché per quanto l'uomo furiosamente voglia farla finita, dai detriti della sua furia distruttiva spunta un germoglio che dischiude alcune foglioline e poi un fiore. “Lasceremo andare nostro figlio con gli angeli”.

Questo sito utilizza cookies secondo la privacy, copyright & cookies policy. Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.