Logo saveriani - Italia

Il vangelo della pace e l'inganno delle armi

Il vangelo della pace e l'inganno delle armi

Dedichiamo questo paginone al tema delle armi, che minacciano la pace e la convivenza tra i popoli. Le riviste missionarie (anche Missione Oggi e Missionari Saveriani) ne parlano da anni. Nello scenario mondiale, le armi generano conflitti, tragedie umanitarie (pensiamo all’immigrazione), esclusione. Ci sta a cuore il futuro della famiglia umana e del creato, casa di tutti. Per questo motivo, sentiamo il dovere di contrastare, con coraggio, ciò che minaccia la pace. Per papa Francesco “è un'assurda contraddizione negoziare la pace e, allo stesso tempo, consentire il commercio di armi”.

Nonostante i divieti di legge, come spiega Giorgio Beretta, esperto del settore e nostro stimato collaboratore, armi prodotte anche in Italia seminano morte e arrivano dove non devono. E quando cadono in cattive mani, si ritorcono anche contro di noi, come il terrorismo evidenzia. Pesanti sono le nostre responsabilità, dell’Europa e dell’Italia.

“È inaccettabile il silenzio sulla vendita italiana di armi pesanti e leggere a stati che incrementano guerre sempre più feroci, da cui sono costretti a fuggire milioni di profughi. Non conoscendo tutto questo è chiaro che il popolo italiano non può capire perché così tanta gente stia fuggendo dalle proprie terre, rischiando la propria vita per arrivare da noi” (A. Zanotelli).

Alcuni mass media denunciano con coraggio ciò che avviene. In ogni caso, questo silenzio abbastanza diffuso non contribuisce a creare un clima di ostilità verso i poveri? Invece di colpire chi, per puro interesse, provoca e sostiene le guerre, rischiamo di prendercela con le vittime da esse prodotte. Nutriamo le persone, non le guerre. Non è questo l’unico cammino, pur lento, difficile e faticoso, per arrivare alla vera pace?

Questo sito utilizza cookies secondo la privacy, copyright & cookies policy. Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.