Logo saveriani - Italia

Aquile valtellinesi sulle paludi del Gange

Aquile valtellinesi sulle paludi del Gange
Google Plus

Nonostante i 30 gradi di calore che già ci fanno sudare, qualche abitante della Valtellina, evitando il gelo siberiano dei primi di marzo, è approdato in questa landa selvaggia. Pare che a parecchi valtellinesi piaccia molto questo piccolo angolo di mondo. Altri visi pallidi, dal sangue gustoso per zanzare affamate, hanno fatto visita alle “selvaggette” a febbraio.

l primi due sono Benedetto Abbiati e Marianna Gugiatti, due “aficionados” del Bangladesh. Da anni, Benedetto, fratello minore di p. Giovanni Abbiati, il missionario sondriese che creò una vera rivoluzione sociale, economica e culturale tra migliaia di donne del Bangladesh, ogni anno viene per verificare e migliorare l’andamento di tutto ciò che ha creato il fratello, prematuramente scomparso nell'ottobre 2009. Marianna, anch'essa coinvolta in questa rivoluzione, lo accompagna quasi ogni anno. A Mundaland hanno esplorato la possibilità di iniziare il lavoro dell'artigianato anche tra le donne tribali della foresta del Sunderban.

tav Valtellina in Mundaland Duca Emilia di MorbegnoA fine febbraio, è arrivata tra noi un'altra aquila valtellinese, Emilia Duca di Morbegno. Ormai da anni, appassionata alle attività missionarie con la sua forza d'animo e spirito avventuriero, armata di aghi e filo, ha girato mezzo mondo, portando con sé l'arte della sartoria! È stata con noi per vari giorni, per la gioia delle nostre ragazze appassionate di stoffe. Con le sue mani d'oro insegnerà l’arte a Mundaland. Il suo compito è molto importante per le ragazze, perché può procurare lavoro e autonomia. Ospiti importanti sono rimasti affascinati dai lavori e le hanno commissionato molti gadget e oggetti da realizzare.
Grazie quindi all'aiuto di Emilia, questi prodotti saranno rifiniti al meglio e potranno avere uno sbocco sul mercato italiano. Un grazie di cuore a Benedetto, Marianna ed Emilia. Le “selvaggette” di Mundaland guardano spesso all'orizzonte, sperando di poter vedere presto qualche altra aquila valtellinese volteggiare e aleggiare sulle paludi del Gange.

Questo sito utilizza cookies secondo la privacy, copyright & cookies policy. Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.