Logo saveriani - Italia

A Buenaventura, la sfida della famiglia…

A Buenaventura, la sfida della famiglia…
Google Plus

p.7 Buenaventura Cristo RedentorI saveriani sono a Buenaventura da quasi 43 anni. Era il 1975 e tutto ebbe inizio nel quartiere Firme, nell'isola di Cascajal, dove c’è l'importante porto commerciale. Qui venne fondata la parrocchia del Sacro Cuore di Gesù. Hanno continuato da metà anni ottanta nell’attuale quartiere Bolivar. Ora, i saveriani proseguono le attività nella parrocchia Cristo Redentore, con la guida di p. Maurice Ndje Ndje. Insieme a lui, stiamo portando avanti un processo di rinnovamento del sistema di nuova evangelizzazione (catecumenato delle persone adulte, giovani coppie, unioni matrimoniali), seguendo i consigli della Esortazione Apostolica Amoris Letitia. Proprio la famiglia è la problematica maggiore a Buenaventura. In molti casi, manca la figura paterna. E le donne, spesso, hanno più figli, avuti da diverse relazioni. Ci sono anche giovani credenti e battezzati, grazie all'interessamento delle nonne, perché i genitori hanno scelto le diverse chiese evangeliche neo-pentecostali che, qui a Buenaventura, spuntano come funghi.
La grande sfida sarà anche tradurre l’enorme mole di lavoro pastorale in vocazioni missionarie per il nostro Istituto. Da ormai due anni, visito i collegi di Buenaventura e non solo, lungo la vecchia strada che da Zacarias attraversa il fiume Dagua, percorsa dai saveriani per evangelizzare la pianura costiera.

Questo sito utilizza cookies secondo la privacy, copyright & cookies policy. Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.